16 - 12 - 2017


Il fotovoltaico nelle scuole

Pannelli fotovoltaici nei tetti delle scuole : SI PUÒ

 

Introduzione: Il Fotovoltaico In Italia

In Italia il fotovoltaico, secondo alcuni calcoli effettuati nel 2013, conta

526.463 impianti, con il 60% costituito da impianti residenziali e il 40% da impianti commerciali, per una potenza prodotta di circa 17.080.255 KW ogni anno, 7,5% del consumo di energia elettrica in Italia. Negli ultimi anni però con l'abolizione degli incentivi, ovvero la possibilità di poter vendere l'energia elettrica prodotta in eccesso, la diffusione di questo tipo di energia è calata drasticamente (anche a causa della crisi).

 

Si riuscirebbe a ricoprire il consumo di tutte le scuole superiori del veneto? Facciamo un po' di conti.

 

Nella Regione Veneto sono presenti 219 scuole superiori statali ( con circa 165.700 studenti) le quali consumano ogni anno circa 2.409.000 kWh di corrente elettrica. Questo risultato si ottiene moltiplicando 11.000 kWh, ovvero il consumo medio di una scuola superiore medio grande, per il numero delle scuole.

Ogni istituto ha in media un tetto di circa 500 mq di superficie quindi, moltiplicando tale numero per quello delle scuole otteniamo all'incirca 110.000 mq ovvero la superficie totale occupata dalle scuole.

Per ricoprire ogni tetto con i pannelli (ipotizzando un tetto piano) bisogna però tener conto anche della loro inclinazione ( di 25/35 gradi ) che ne fa diminuire le dimensioni, ma soprattutto bisogna tener conto della distanza necessaria affinché ogni pannello non venga oscurato da quello davanti quando i raggi solari sono bassi. In un tetto inclinato il problema non si pone in questi termini ma comunque vi sono delle falde inutilizzabili, in particolare quelle a nord, che determinano una riduzione della superficie. Considerando ciò si va a perdere all'incirca il 40% della superficie, incrementandolo di un ulteriore 20% per zone sfavorevoli (soggetti ad ombre, ecc)   la superficie totale effettivamente utilizzabile è di circa 44.000 mq.

Secondo alcuni calcoli effettuati nella pianura padana, un impianto fotovoltaico costituito da 20 moduli e con una superficie di circa 32 mq ha una potenza di picco di 4.7kWp va a produrre annualmente 5.170 kWh, in quanto 1kWp. produce nel Veneto 1100kWh all’anno cioè circa 165 kWh annui su mq. Quindi Il prodotto complessivo di quanto le scuole superiori nel Veneto possono produrre è più di 7260 milioni di kWh annui.

Se consideriamo il consumo totale scolastico scuole superiori statali nel Veneto la superficie necessaria è di circa 17.000 mq, un numero molto inferiore rispetto alla superficie totale offerta dalle scuole. Rimarrebbero quindi all'incirca 27.000 mq non utilizzati e che, se ricoperti da pannelli fotovoltaici, potrebbero produrre circa 4.450.000 kWh annui che, se venduti ad un costo di 0,10 euro a kWh, farebbero guadagnare alle scuole circa 445.000 euro all'anno più di 2000 euro a scuola. Inoltre, attrezzare le scuole con pannelli fotovoltaici sarebbe un importante volano per l’economia sostenibile. Dato che 1mq di pannello fotovoltaico ha una potenza di circa 150 wp, moltiplicato per i 44000 mq che potrebbero essere installati sulle scuole si ottengono 6600 kWp che moltiplicati per con un costo ipotetico di 2000 euro a kWp il costo complessivo è di circa 13 milioni di euro. Importo che darebbe lavoro alle maestranze di numerose ditte installatrici del settore diffuse nel territorio senza significativi impatti ambientali, anzi riducendo le emissioni di gas serra dovuti ai consumi elettrici che attualmente utilizzano prevalentemente combustibili fossili per la produzione.

 

Il fotovoltaico ha effetti negativi sull'ambiente?

Il fotovoltaico è di sicuro uno dei metodi più diffusi per sfruttare l'energia solare del sole ma porta solo benefici verso l'ambiente?

Come molti studi hanno dimostrato, un pannello fotovoltaico col passare degli anni inizia a perdere in rendimento e dopo circa 25 anni è ormai l'ora di cambiarlo andando così a presentare un grosso problema: il suo smaltimento. Lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici è un processo ancora in via sperimentale e quindi non ancora del tutto efficiente a causa della varietà di materiali presenti negli impianti e che porta inoltre alla spesa di circa 250 € per tonnellata che corrispondo all'incirca a 70 € per un impianto domestico da 3 Kwp.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri ostacoli?

Questo progetto riuscirebbe ad essere applicato senza altre problematiche? La risposta è di sicuro no; un grosso ostacolo per la realizzazione di questo sogno è di sicuro la presenza del colosso dei combustibili fossili (come riferisce Beppe Grillo nel suo blog) che per “difendere” i propri interessi andrà a bloccare o perfino a nascondere le altre fonti di energia minori.

Un altro problema è costituito dal non poter accumulare l'energia assorbita, ciò potrebbe provocare dei cali enormi di elettricità che andrebbero ad obbligare i cittadini a ricorrere all'uso dei combustibili fossili.

 

Quando si potra' vivere di solo fotovoltaico?

 

Andiamo inoltre a ricordare il gruppo di studiosi Ecofys il quale, considerando molti fattori tra i quali anche l'incremento delle vendite dei pannelli fotovoltaici, ha dichiarato che nel 2030 la produzione di elettricità a partire dal petrolio calerà drasticamente e che le fonti rinnovabili inizieranno a prendere più posto nella produzione di energia elettrica (soprattutto il metodo fotovoltaico e l'energia eolica).

 

 

23/3/2015

 

Manuel Barusco 2IE itis Severi -Padova.

 

Fonti

 

-http://www.istruzioneveneto.it/wpusr/scuole

 

-http://www.istruzioneveneto.it/wpusr/wp- content/uploads/2014/09/Esiti-esami-di-Stato-secondo-ciclo_Veneto-2013_14.pdf

 

- i dati tecnici sui pannelli fotovoltaici sono stati presi da un preventivo.

 

-http://www.fotovoltaiconorditalia.it/mondo-fotovoltaico/orientamento-e-inclinazione-dei-moduli-cambiano-i-kwh-prodotti

 

-http://www.fotovoltaicosulweb.it/guida/smaltire-i-pannelli-fotovoltaici.html3

 

-http://www.ilportaledelsole.it/index.asp?   id_pagina=0402&avanti=true&cat=0021

 

Appendice: Cenni generali sul fotovoltaico

 

Per energia solare si intende la radiazione emessa dal sole sotto forma di onde elettromagnetiche in parte visibile ai nostri occhi e i in parte non visibile. La radiazione solare è una fonte di energia rinnovabile che ha il grande vantaggio di essere disponibile in misura praticamente illimitata e di non inquinare l'ambiente.

L'utilizzo di questa fonte può però presentare alcuni svantaggi come ad esempio la sua discontinuità derivante dall'alternanza tra il di e la notte e quella derivante dall'alternanza delle condizioni atmosferiche.

Ci sono due modi per sfruttare questa fonte di energia: il metodo termodinamico e il metodo fotovoltaico.

Il metodo fotovoltaico converte l'energia solare in energia elettrica mediante i pannelli fotovoltaici che sfruttano la capacità del silicio di cui sono fatte le celle, di trasformare direttamente la radiazione solare in elettricità. Il metodo termodinamico sfrutta l'effetto termico della radiazione solare e consiste nel riscaldare un fluido mediante le radiazioni solari, captate da appositi pannelli.

 

Territorio e Mobilità
Flora e Fauna
Energia e Consumi