16 - 12 - 2017


La sostituzione dei serramenti

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

LA SOSTITUZIONE DEI SERRAMENTI

Detrazione del 55%

 

Con il decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, "Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici", cosiddetto "Salva Italia" è stato approvato in via definitiva il provvedimento che proroga le detrazioni fiscali del 55% sino al 31 dicembre 2012.

 

 

 

 

 

SOSTITUZIONE SERRAMENTI

 

Interventi di sostituzione di serramenti esistenti comprensive di infissi, portoni d’ingresso, porte, finestre e vetrine (anche se non apribili), scuri, persiane, avvolgibili, cassonetti (se solidali con l’infisso) e suoi elementi accessori, purché tale sostituzione avvenga simultaneamente a quella degli infissi (o del solo vetro) e a condizione che si tratti di serramenti che delimitano l’involucro riscaldato dell’edificio verso l’esterno o verso locali non riscaldati e risultino rispettati gli indici di trasmittanza termica (Uw) richiesti per legge, riportati in tabella 2 del D.M. 26 gennaio 2010 (per interventi dal 2010).

 

Valori limite della trasmittanza termica Uw delle chiusure trasparenti comprensive degli infissi in W/m2K

Zona climatica

Limiti D.M. 11/03/2009

Limiti nuovo D.M. 06/08/2009

A

3,9

3.7

B

2,6

2,4

C

2,1

2,1

D

2,0

2,0

E

1,6

1,8

F

1,4

1,6

Gli interventi sugli edifici già esistenti danno diritto a una detrazione dall’imposta lorda, che può essere fatta valere sia sull’Irpef che sull’Ires, pari al 55 per cento delle spese sostenute entro il 30 giugno 2013 (Dl n. 83/2012).

 

 

SPESE OGGETTO DI DETRAZIONE

 

- Acquisto ed installazione dei nuovi serramenti.

- Disinstallazione e dismissione dei serramenti esistenti.

- Prestazioni professionali per la progettazione e la gestione della pratica relativa alle detrazioni fiscali.

 

 

 

IMMOBILI

 

Gli immobili devono essere:

-          accatastati;

-          ICI o IMU regolarmente pagata;

-          dotati di un impianto di riscaldamento;

-          delibera assembleare di approvazione dell’esecuzione dei lavori;

-          (se gli interventi sono effettuati dal detentore dell’immobile) dichiarazione di consenso del possessore dell’immobile all’esecuzione dei lavori;

-          abilitazioni amministrative (se necessarie);

-          comunicazione all’azienda Sanitaria Locale (se necessaria).

 

 

 

TIPOLOGIA INTERVENTI

-          ristrutturazione senza demolizione;

-          ristrutturazione con ampliamenti, la detrazione compete solo per le spese riferibili alla parte esistente;

-          demolizione solo se poi segue la fedele ricostruzione”, nel rispetto di volumetria e sagoma dell’edificio preesistente;

-          manutenzione straordinaria.

 

SOGGETTI AMMESSI ALL’AGEVOLAZIONE

- le persone fisiche, compresi gli esercenti di arti e professioni; 

- i contribuenti con reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);  

- le associazioni tra professionisti;  

- gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.

- i titolari di un diritto reale sull’immobile;

- i condomini, per gli interventi sulle parti comuni condominiali;

- gli inquilini;

- chi detiene l’immobile in comodato;

- i familiari (coniuge, parenti entro il terzo grado e affini entro il secondo grado);

- i conviventi con il possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, che sostengono le spese per la realizzazione dei lavori eseguiti sugli immobili nei quali può esplicarsi la convivenza.

COSA DEVE CERTIFICARE L’ASSEVERAZIONE

 

Deve riportare una stima dei valori delle trasmittanze originarie dei componenti su cui si interviene, nonché i valori delle trasmittanze dei medesimi componenti a seguito dell'intervento; detti valori devono in ogni caso essere inferiori o uguali ai valori definiti dal decreto del Ministero dello sviluppo economico 11 marzo 2008 (vedi appendice). Per le sostituzioni di finestre, comprensive di infissi, l’asseverazione può essere sostituita da una certificazione dei produttori degli stessi infissi che attesti il rispetto dei medesimi requisiti.

In base alle nuove disposizioni introdotte dal D.M. 6 agosto 2009, l’asseverazione può essere:

- sostituita dalla dichiarazione resa dal direttore dei lavori sulla conformità al progetto delle opere realizzate;

- esplicitata nella relazione attestante la rispondenza alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e relativi impianti termici.

 

 

 

DOCUMENTI DA TRASMETTERE

 

- l’asseverazione redatta da un tecnico abilitato nella quale indicare il valore di

trasmittanza dei nuovi infissi; in alternativa, la certificazione del produttore dell’infisso che attesti il rispetto dei medesimi requisiti;

- un dato che attesti il valore di trasmittanza dei vecchi infissi (eventualmente stimandola in base alle caratteristiche del profilato e della tipologia del vetro);

In base alle disposizioni di cui al D.M. 6 agosto 2009, l’asseverazione può essere:

• sostituita dalla dichiarazione del Direttore dei Lavori sulla conformità delle opere realizzate al progetto (obbligatoria ai sensi dell’Art.8, comma 2, del D.Lgs. n°192 del 2005);

• esplicitata nella relazione relativa alle prescrizioni per il contenimento del consumo di energia degli edifici e relativi impianti termici.

Entro 90 giorni dalla dal collaudo delle opere occorre trasmettere all’Enea attraverso l’apposito sito web relativo all’anno in cui sono terminati i lavori (per il 2012: http://finanziaria2012.enea.it):

- copia dell’attestato di certificazione o di qualificazione energetica (allegato A);

- la scheda informativa (allegato E o F del decreto), relativa agli interventi realizzati.

 

 

 

COSTO MANODOPERA

 

Il “Decreto Sviluppo” (DL 13/05/2011 n. 70, in vigore dal 14/05/2011 e convertito legge il 12/07/2011 - L 106/2011) ha abolito l’obbligo di indicare in fattura il costo della manodopera impiegato nella esecuzione delle opere per le quali si richiedono detrazioni fiscali  del 36%. L’Agenzia delle Entrate interpreta che tale norma riguarda anche le fatture per cui si richiedono le detrazioni del 55%. Questa interpretazione è riportata a pagina 9 della guida alle detrazioni per il risparmio energetico -  luglio 2011.

 

 

 

DOCUMENTAZIONE DA CONSERVARE

 

- fatture dei fornitori;

- ricevute comprovanti i pagamenti a mezzo bonifico;

- copia della Scheda Informativa;

- nel caso di sostituzione di infissi in contesti diversi dalle singole unità immobiliari, occorre anche copia dell’Allegato A e la Certificazione Energetica;

- ricevuta rilasciata da ENEA dell’avvenuta compilazione su sito internet della Scheda Informativa;

- dichiarazioni del costruttore dei serramenti oppure asseverazione di un professionista abilitato attestante di conformità dei prodotti installati e dei prodotti dismessi ai requisiti della normativa.

 

Per informazioni

 

Arch. Luca Fattambrini -   347 7521320 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Territorio e Mobilità
Flora e Fauna
Energia e Consumi